martedì, 29 luglio 2014

Stampa notizia

14 novembre 2013

Esodati. Deadline a fine febbraio

Arrivano le istruzioni del MLPS per i 9.000 salvaguardati di cui al decreto ‘IMU’

Premessa – Tempo fino al 26 e 27 febbraio 2014 per presentare la domanda di salvaguardia di cui ai decreti legge n. 101 e n. 102. È questo il tempo concesso ai 2.500 lavoratori che nel corso del 2011 risultavano in congedo per l'assistenza a persone (diverse dai figli) o che abbiano fruito dei permessi giornalieri previsti dalla Legge 104/1992, e ai 6.500 lavoratori cessati a seguito di licenziamento tra il 1° gennaio 2009 e il 31 dicembre 2011. A renderlo noto è il Ministero del Lavoro con la circolare n. 44/2013, precisando che questa volta non bisogna attendere la pubblicazione di un apposito decreto in Gazzetta Ufficiale.

I salvaguardati – La nuova platea di esodati è disciplinata rispettivamente dall’art. 11 e 11-bis del D.L. n. 102/2013. Il primo contingente ammonta a 6.500 unità, vale a dire coloro che sono cessati dal rapporto di lavoro entro il 31.12.2011 in ragione della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro medesimo. Questi ultimi, in particolare, devono essere in possesso delle seguenti condizioni di accesso:
  • avere conseguito successivamente alla data di cessazione, la quale comunque non può essere anteriore al 1° gennaio 2009 e successiva al 31 dicembre 2011, un reddito annuo lordo complessivo riferito a qualsiasi attività, non riconducibile a rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, non superiore a euro 7.500;
  • essere in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che, in base alla disciplina pensionistica vigente prima della data di entrata in vigore del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214 avrebbero comportato la decorrenza del trattamento pensionistico entro il trentaseiesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del citato decreto-legge n. 201 del 2011.

Quanto ai soggetti di cui all’art. 11-bis del suddetto D.L., la salvaguardia – pari a 2.500 unità – opera per quei lavoratori che, nel corso dell'anno 2011, risultano essere in congedo per l'assistenza a persone (diverse dai figli) o aver fruito di permessi per handicap (art. 33, c. 3, della L. n. 104/1992), i quali perfezionino i requisiti anagrafici e contributivi utili a comportare la decorrenza del trattamento pensionistico, entro il trentaseiesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del D.L. n. 102/2013.

Presentazione istanze – Entrambe le categorie dovranno presentare le domande, entro il 26 febbraio 2014, alla DTL competente in base alla residenza dei lavoratori cessati. Per quanto riguarda, invece, i dipendenti regionali in esonero e tutti quelli che risultavano in esonero a seguito di richiesta presentata prima del 4 dicembre 2011, le domande dovranno pervenire entro il 27 febbraio 2014.

La modulistica – Infine, il Ministero del Welfare precisa che la modulistica e il modello di istanza necessari per presentare la domanda di accesso alla salvaguardia sono già disponibili in rete (www.lavoro.gov.it). Le istanze potranno essere trasmesse, direttamente dai lavoratori interessati o dai soggetti abilitati (es. patronati ex lege n. 152/2001; consulenti del lavoro/dottori commercialisti ex lege n. 12/1979), alle competenti DTL all'indirizzo di posta elettronica certificata delle medesime (per esempio: DPL.Roma@mailcert.lavoro.gov.it) o all'indirizzo di posta elettronica dedicata (per esempio: DTLRm.salvaguardati@lavoro.gov.it) o, in via alternativa, inviate tramite Raccomandata A/R.
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.