mercoledì, 24 settembre 2014

Stampa notizia

6 giugno 2011

Sanzioni, ravvedimento e Cedolare secca

Sono questi temi di sui si è discusso ad Agrigento nell’ambito del congresso nazionale organizzato dall’ANC, a cui hanno partecipato due esperti della materia: Tonino Morina e Antonio Gigliotti

Il congresso - Nell’ambito del congresso nazionale organizzato dall’ANC, si è trattato anche di problemi fiscali ed in particolare del tema delle sanzioni, del nuovo accertamento esecutivo e dei chiarimenti forniti dal Fisco con circolare n.26/E inerente la cedolare secca
Le problematiche discusse - Nel dibattito tra i due relatori, (Morina – Gigliotti) ci si è soffermati sulle problematiche inerenti alla misura delle sanzioni nel caso di compensazioni e quindi si è parlato di crediti inesistenti o non spettanti e sul possibile ravvedimento operoso. Nel corso dell’incontro si è discusso altresì del nuovo accertamento esecutivo, nonché sulle probabili novità in arrivo.
Cedolare secca - Ampio spazio è stato poi dato al commento della circolare n. 26/E inerente la cedolare secca.
In particolare si è posta l’attenzione sulla doppia scadenza di oggi , 6 giugno. Oltre all'esercizio dell'opzione per la cedolare per alcune categorie di contratti di locazione, entro tale termine devono essere registrati i contratti in nero, se si vogliono evitare le pesanti penalizzazioni previste per la registrazione in ritardo, volontaria o d'ufficio.
L'opzione del 6 giugno riguarda, peraltro, unicamente i soggetti per i quali i termini di registrazione del contratto ovvero della proroga anche tacita dello stesso scadono nel periodo tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011. Al contrario, coloro i quali si trovino in un'annualità intermedia del contratto o, alla data del 7 aprile scorso, abbiano già effettuato la prima registrazione del contratto o la proroga dello stesso nel 2011, non devono presentare alcun modello. Questi si limiteranno a pagare gli acconti di cedolare (entro il 6 luglio) e a confermare l'opzione in sede di dichiarazione 2012 per il 2011 (così la circolare n. 26/E delle Entrate, ).

E’ stato ricordato poi come la cedolare si può applicare solo in caso di «locatore persona fisica». Restano esclusi dal regime gli imprenditori o i lavoratori autonomi, anche nel caso in cui concedano in locazione un immobile abitativo ai propri dipendenti
E’ stato precisato come l’immobile debba rientrare tra le categorie di accatastamento da A/1 ad A/11, con la sola esclusione di quelle classificate come A10, cioè gli uffici, e debba essere locato per finalità abitative. A tale proposito l’Agenzia ha chiarito che non è previsto un vincolo minimo di durata del contratto, essendo applicabile anche agli atti non soggetti all’obbligo di registrazione in termine fisso, ovvero stipulati per un periodo inferiore ai trenta giorni all’anno.
In merito alla comunicazione da inviare all’inquilino si esclude la validità della raccomandata consegnata a mano, anche con ricevuta sottoscritta dal conduttore. In caso di più conduttori, l’opzione va comunicata a ciascuno di essi. Nel caso di immobili posseduti in comproprietà, l’opzione esercitata da parte di un solo locatore, comporterà la rinuncia agli aggiornamenti del canone anche da parte dei comproprietari che non hanno optato per il regime della cedolare secca”.
Acconti - In merito agli acconti è stato precisato che se l’anno di prima applicazione della cedolare è il 2011, l’acconto della cedolare è dovuto l’acconto e trattandosi del primo anno di applicazione del nuovo sistema di tassazione, l’acconto deve essere determinato esclusivamente con il metodo previsionale, non potendo applicarsi il metodo storico che normalmente si applica in materia di acconti IRPEF. L’acconto IRPEF per il periodo di imposta 2011 sarà determinato sulla base della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta precedente, assumendo il relativo reddito senza considerare il reddito fondiario prodotto nel 2010 dagli immobili abitativi per i quali, nel 2011, il contribuente si avvale della cedolare secca per l’intero periodo di imposta.
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.

 

Video del Giorno

La nuova Rassegna Stampa Video
a cura di Sergio Gamberale

VIDEO DEL GIORNO - 23 SETTEMBRE 2014

Vai all’Archivio