sabato, 20 settembre 2014

Stampa notizia

12 novembre 2012

Presentazione tardiva dell’Intrastat

La mancata presentazione del modello Intrastat può essere sanata mediante ravvedimento operoso

Premessa – In caso di mancata presentazione del modello Intrastat, la sanzione applicabile va da un minimo di 516 euro a un massimo di 1.032 euro per ciascun elenco (articolo 11, comma 4, del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471). Con la procedura del ravvedimento operoso la violazione può essere regolarizzata versando un ottavo del minimo (64 euro).

Violazioni - In presenza di una violazione delle disposizioni fiscali al contribuente è concessa, come noto, la possibilità di provvedere alla relativa regolarizzazione spontanea. Ciò è subordinato al versamento della sanzione, applicabile alla specifica violazione, beneficiando di una riduzione. L’art. 6, comma 5-bis, D.Lgs. n. 472/97, dispone che non sono punibili “le violazioni che non arrecano pregiudizio all'esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento del tributo” considerato che le stesse si traducono “in una mera violazione formale senza alcun debito d’imposta”.

Violazioni meramente formali
- L’Agenzia delle Entrate nella Circolare 3.8.2001, n. 77/E, ha precisato che i 2 elementi sopra richiesti, ossia non arrecare pregiudizio all’azione di controllo e non incidere sulla determinazione della base imponibile/imposta/versamento, concorrono entrambi alla definizione della nozione/concetto di “mera violazione formale”.

Omessa presentazione del modello Intrastat - L’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione 16.2.2005, n. 20/E, è giunta a considerare la tardiva presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat quale violazione non “meramente formale”, quindi sanzionabile in quanto non incide sul versamento del tributo, ma incide comunque sull’attività di controllo degli Uffici. Pertanto la violazione in esame (tardiva presentazione degli elenchi) arreca pregiudizio all’attività di controllo ed è punita, ai sensi dell’art. 11, comma 4, D.Lgs. n. 471/97, con la sanzione da € 516 a € 1.032 per ciascun elenco. La sanzione è ridotta alla metà in caso di regolarizzazione entro 30 giorni dalla richiesta da parte dell’Ufficio.

Ravvedimento operoso
- In considerazione del fatto che la violazione è sanzionabile, è possibile fruire della riduzione della sanzione tramite la regolarizzazione con il ravvedimento operoso. Sul punto nella citata Risoluzione n. 20/E è precisato che l’unica modalità di ravvedimento è quella disposta dalla lett. b) dell’art. 13, D.Lgs. n. 472/97. Di conseguenza, il ravvedimento della tardiva presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat va effettuato entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno in cui è commessa la violazione e richiede il pagamento di una sanzione ridotta, da versare con il mod. F24, indicando il codice tributo “8911” e quale anno di riferimento l’anno cui si riferisce la violazione. L’importo della violazione da versare è pari a un ottavo del minimo (64 euro).
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.

 

Video del Giorno

La nuova Rassegna Stampa Video
a cura di Sergio Gamberale

VIDEO DEL GIORNO - 19 SETTEMBRE 2014

Vai all’Archivio