sabato, 20 dicembre 2014

Stampa notizia

16 novembre 2012

Legge di Stabilità: riduzione del cuneo fiscale

Aumentate le deduzioni dalla base imponibile Irap per i lavoratori a tempo indeterminato

Premessa – Pressione fiscale troppo elevata: su questo aspetto il Governo nella Legge di Stabilità 2013 concorda con le associazioni di categoria. Da qui la proposta di una riduzione del cuneo fiscale (oneri e contributi in busta paga).

Cuneo fiscale - Il 68,3% dei profitti delle imprese è oggi rappresentato da oneri fiscali e contributivi, per questo il governo ha posto l’attenzione sull’elevato livello del cuneo fiscale e contributivo sul lavoro e del carico fiscale sulle imprese. Per questo i tagli al cuneo fiscale sono diventati le nuove proposte di questi giorni sulla Legge di Stabilità in corso di discussione in Parlamento. Il cuneo fiscale sostituisce nel testo i tagli Irpef e punta all’abbattimento progressivo della pressione fiscale. Ma vediamo di cosa si tratta.

Finanziaria 2007 - La Finanziaria 2007 aveva introdotto due deduzioni IRAP a fronte dell’impiego di dipendenti a tempo indeterminato, al fine di diminuire l’incidenza degli oneri impropri sul costo del lavoro (cosiddetto “cuneo fiscale”). In particolare, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d’imposta, è stata prevista la deducibilità dell’importo complessivo dei relativi contributi assistenziali e previdenziali (es. contributi INPS, contributi a forme pensionistiche complementari, ecc.) e di un importo forfetario pari a 4.600,00 euro, su base annua. Per i dipendenti a tempo indeterminato impiegati nelle Regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia, l’importo della deduzione forfetaria era elevato fino a 9.200,00 euro, su base annua.

Manovra “Salva Italia” – Con il D.L. 201/2011 (“Manovra Salva Italia”) è stato incrementato l’importo della deduzione forfetaria per i lavoratori di sesso femminile, nonché per quelli di età inferiore a 35 anni. In pratica, per fruire della maggiorazione, occorre che il lavoratore sia di sesso femminile (indipendentemente dall’età) oppure di età inferiore a 35 anni (indipendentemente dal sesso). Nelle suddette ipotesi, l’ammontare deducibile è aumentato, su base annua, fino a 15.200,00 euro, per i dipendenti a tempo indeterminato impiegati nelle suddette Regioni svantaggiate o 10.600,00 euro, negli altri casi. Per fruire dell’incremento, non è necessario che i dipendenti siano nuovi assunti, ben potendo il rapporto di impiego essere stato instaurato anche nel 2011 o in anni precedenti.

Legge di Stabilità - Se passerà la correzione alla Legge di Stabilità, gli importi degli sconti sul cuneo fiscale saliranno, a partire dal 2014, da 4.600 a 7.500, da 10.600 a 13.500, da 9.200 a 15.000 e, infine, da 15.200 a 21.000. Nell'emendamento viene anche elevata la deduzione riservata ai soggetti “minori”, con un base imponibile Irap inferiore a 180.999,91 euro.
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.

 

Video del Giorno

La nuova Rassegna Stampa Video
a cura di Sergio Gamberale

VIDEO DEL GIORNO - 19 DICEMBRE 2014

Vai all’Archivio