giovedì, 31 luglio 2014

Stampa notizia

12 dicembre 2012

Antiriciclaggio: analisi dei flussi finanziari

L’utilizzo della procedura S.AR.A da parte dell’Uif

Premessa - Al fine di individuare fenomeni di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo e per prevenirne la diffusione, l’UIF analizza i flussi finanziari. L’attività di analisi è rivolta sia all’identificazione di singole anomalie sia allo studio di fenomeni più ampi riferiti a specifiche aree territoriali, categorie di strumenti di pagamento o a determinati settori dell’economia.

S.AR.A - Per tale attività l’UIF utilizza, in particolare, le Segnalazioni Anti-Riciclaggio Aggregate (S.AR.A) che sono trasmesse mensilmente dai soggetti obbligati.

Invio dei dati - Con provvedimento del 22 dicembre 2011, l’UIF ha emanato le disposizioni attuative dell’art. 40 del decreto legislativo 231/2007, relative all’inoltro dei dati aggregati e ha disposto, tra l’altro, che i dati siano trasmessi (sempre con cadenza mensile) esclusivamente attraverso l’utilizzo della rete internet.

Le indagini internazionali - La normativa in materia di invio di dati statistici aggregati è in linea con quanto si fa a livello internazionale. Alle segnalazioni di eventi ritenuti potenzialmente anomali (SOS) si aggiungono, in molti Paesi, segnalazioni sistematiche, riferite a determinate tipologie di operazioni e soglie di importo, prescindendo da valutazioni sul sospetto delle singole attività.

Le segnalazioni effettuate - Una peculiarità del sistema italiano è rappresentata dal carattere aggregato di tali dati e conseguentemente dall’anonimato degli stessi. I dati da trasmettere all’UIF sono aggregati dagli intermediari segnalanti raggruppando le operazioni secondo varie caratteristiche, quali lo strumento finanziario utilizzato (bonifico, versamento o prelievo di contanti, etc.), il settore di attività economica del cliente, i dati identificativi territoriali della dipendenza dell’intermediario segnalante, del soggetto controparte e dell’intermediario della controparte.

Aumento nel 2011 - Nel 2011 il 98 per cento del totale dei dati S.AR.A è stato trasmesso dagli intermediari bancari con un incremento, rispetto al 2010, del numero dei dati aggregati inviati (restando, invece, sostanzialmente invariato l’importo totale dei dati aggregati inviati).

L’utilizzo della moneta elettronica - Si rileva, inoltre, anche l’aumento dei dati e degli importi segnalati dagli istituti di moneta elettronica dovuto, in larga misura, alla diffusione di una specifica carta prepagata utilizzata, in particolare, sia per attività di e-commerce sia per accrediti e riscossioni legati al gioco on-line.

Operazioni in contanti - Le operazioni censite nei flussi S.AR.A includono innanzitutto i versamenti e i prelievi di contante. In particolare, l’utilizzo del contante come mezzo di pagamento è oggetto di costante monitoraggio da parte di tutte le autorità coinvolte nelle politiche di prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo.
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.