sabato, 26 luglio 2014

Stampa notizia

28 dicembre 2011

L’aggiornamento dei principi contabili

Pubblicato in consultazione il primo set di principi contabili nazionali

Premessa – L’Oic (Organismo italiano di contabilità) ha dato avvio alla consultazione del primo set di principi contabili nazionali rivisti nell’ambito del progetto di aggiornamento degli stessi. Il progetto è stato avviato nel maggio 2010 con l’obiettivo di tener conto degli sviluppi verificatisi nella materia contabile nel periodo trascorso dalla loro ultima revisione. L’OIC intende migliorare la struttura dei principi contabili nazionali al fine di renderne più semplice la lettura e facilitare nel contempo gli aggiornamenti e le integrazioni che in futuro si renderanno necessari. Il work plan, come elaborato dallo stesso Organismo italiano di contabilità, prevede nella fase 1 l’aggiornamento dei seguenti principi contabili: OIC 15, 16, 18, 19, 20, 29.

La pubblicazione del 23 dicembre – In data 23 dicembre 2011 questo primo set di principi contabili è stato pubblicato in consultazione, tra questi ricordiamo: OIC 18 – Ratei e risconti e OIC 19 – Fondi e Tfr/Debiti.

Principi contabile n. 18 - L’Oic 18 amplia la casistica delle operazioni che non danno origine a ratei e risconti dal momento che la competenza dei relativi costi o ricavi matura per intero nell’esercizio a cui si riferisce il bilancio. Si tratta, nello specifico, di: crediti e debiti per fatture da emettere e ricevere; interessi attivi/passivi non ancora accreditati/addebitati, maturati su depositi e conti correnti bancari a fine esercizio; debiti verso agenti per provvigioni; debiti per utenze scadute alla data del bilancio le cui bollette vengono emesse nell’esercizio successivo; crediti per premi da ricevere da fornitori.
Principio contabile n. 19 - L’Oic 19 è suddiviso in due parti, riferite rispettivamente a “Fondi e TFR” e “Debiti”. Per quanto riguarda la parte relativa ai Fondi, si precisa che per la corretta imputazione a conto economico degli accantonamenti è da preferire il criterio della classificazione per natura dei costi, sia che l’area interessata dall’imputazione sia quella relativa alla gestione ordinaria (Area B), alla gestione finanziaria (Area C) o all’area straordinaria (Area E). L’Oic 29, visti i molteplici cambiamenti avvenuti a livello di principi contabili, consente di determinare gli effetti dei suddetti mutamenti mediante l’applicazione del “metodo prospettico”. Quest’ultimo metodo differisce da quello “retroattivo”, che prevede l’applicazione del nuovo principio contabile a tutti i fatti già accaduti in esercizi precedenti come se il nuovo dettato fosse stato sempre in vigore. L’applicazione del “metodo prospettico” viene ricondotta a tre specifici casi: non è possibile calcolare l’effetto pregresso del cambiamento del principio; è troppo oneroso determinare l’effetto pregresso del cambiamento; il nuovo principio contabile prevede l’imputazione a contro economico di costi precedentemente capitalizzati.

Osservazioni - Onde facilitare l’analisi dei documenti e stimolare le osservazioni, l’Oic ha deciso che ogni principio contabile (disponibile sul sito ufficiale) sia accompagnato da un documento descrittivo dei cambiamenti più rilevanti apportati rispetto al testo attualmente in vigore. L’Oic invita, pertanto, a far pervenire eventuali osservazioni non oltre il 30 giugno 2012 all’indirizzo e-mail staffoic@fondazioneoic.it o via fax al numero 06.69766830.
Autore: Redazione Fiscal Focus

Per inserire i vostri commenti dovete registrarvi.